Tutto pronto per la manifestazione del 4 dicembre 2021, a Cagliari, a sostegno delle proposte Cgil, Cisl e Uil per modificare l’inadeguata manovra di bilancio del governo Draghi.

Cagliari, 02 dicembre 2021

Cagliari, 2 dicembre - Delegazioni di lavoratori e pensionati provenienti da tutta la regione parteciperanno, sa-bato 4 dicembre ( inizio ore 10 in piazza dei Centomila), alla manifestazione unitaria a sostegno delle proposte Cgil, Cisl e Uil nazionali per modificare la manovra di bilancio del governo Draghi. Una manovra che le OO.SS. confederali considerano inadeguata. Anche in Sardegna, come sta avvenendo in questi giorni in tutte le regioni d’Italia, i sindacati hanno promosso una giornata di mobilitazione – con mascherine e distanze di sicurezza anticovid - che vedrà le testimonianze di sei delegati di diverse categorie lavorative, gli interventi dei segretari regionali Samuele Piddiu (Cgil) e Francesca Ticca (Uil). Angelo Colombini, segretario nazionale Cisl, terrà il comizio conclusivo a nome delle tre organizzazioni sindacali
Cinque le richieste del “#Cambiamanovra” secondo Cgil, Cisl e Uil. Riguardano:
Pensioni: No a quota 102. Pensione di garanzia per i giovani. Più sostegno a donne, lavoratori disoccupati, discontinui, precoci. Forti incentivi per la previdenza complementare. In pensione: -da 62 anni di età. -con 41 anni di contributi senza limiti di età. Migliorare Opzione donna e rafforzare l’Ape sociale estendendo la platea dei lavori gravosi e usuranti;
Sviluppo: Rafforzare le politiche industriali e di sviluppo. Sbloccare gli investimenti in ricerca, innovazione e formazione. Affrontare le sfide della transizione
Sociale : Incrementare le risorse e introdurre i livelli essenziali in vista della legge sulla non autosufficienza. Contrastare le povertà, migliorando il reddito di cittadinanza e po-tenziando le politiche di inclusione
Fisco: Incrementare le risorse da destinare alla riduzione delle tasse a lavoratori e pen-sionati. Contrastare lavoro nero, evasione, elusione fiscale. Basta incentivi a pioggia alle imprese
Lavoro: Servono investimenti per creare buona occupazione, ammortizzatori sociali uni-versali e politiche attive. Contrastare la precarietà e rilanciare il potere d’acquisto di sala-ri e pensioni. Occorre stabilizzare il lavoro e rilanciare le assunzioni nei settori pubblici, a partire da sanità e scuola
“Il testo attuale della manovra – spiegano i segretari generali Samuele Piddiu (Cgil), Gavino Carta (Cisl) e Francesca Ticca (Uil) - è del tutto inadeguato a contrastare le diseguaglianze sociali, economiche e geografiche del Paese e noi, in Sardegna, ci mobili-tiamo con ancora più convinzione sapendo che i riflessi delle scelte fatte a Roma hanno effetti dirompenti in una regione debole come la nostra, perciò rivendichiamo il confronto con il sindacato e non possiamo lasciar passare quelle che consideriamo scelte insufficienti”.

  






Articoli correlati:


Cagliari, 16 gennaio - Si parlerà di edilizia, sviluppo del territorio e progettualità futura del sindacato nel corso del XII Congresso Territoriale della    ...continua







Cagliari , 13 gennaio - Alberto Farina è stato riconfermato questo pomeriggio alla guida della Federazione regionale dei pensionati Cisl Sardegna.    ...continua


Roma, 12 gennaio - Un incontro importante, che dopo il vertice del 20 dicembre entra nel vivo della riforma previdenziale. Abbiamo incardinato    ...continua